Connect with us

Notizie

Puglia, richieste sempre più competenze green

Le competenze green sono ormai al centro dei nuovi posti di lavoro che offre la Puglia

Published

on

Puglia, richieste sempre più competenze green

La ripresa economica e i nuovi posti di lavoro offerti in Puglia possono dare un enorme slancio alla produzione agricola e alle aziende di trasformazione e commercializzazione dei prodotti. Luca Lazzàro, presidente di Confagricoltura Puglia, ha affermato che oltre che investimenti, sono necessari un progetto e una visione strategica, e anche competenze green perché i lavori che saranno richiesti presti in Puglia sono quelli riguardanti la transizione ecologica. Saranno richieste competenze per svolgere lavori come responsabile vendite a marchio ecologico, informatico ambientale, riparatore di macchinari e impianti, esperto del marketing ambientale, operaio specializzato nel settore green e molti altri.

I lavori richiederanno competenze green

Lazzaro ha detto che l’agricoltura in questo processo riveste un ruolo importante. La priorità è proteggere il futuro dell’ambiente, bilanciandolo con il benessere sociale e il progresso. Il presidente ha aggiunto che fra sostenibilità ambientale, protezione delle risorse naturali e ruolo delle innovazioni tecnologiche c’è un forte legame. In una nota Confagricoltura Puglia ha ricordato che l’Italia è il principale Paese produttore di biologico in Europa, con numero di imprese più elevato e una superficie di circa 2 milioni di ettari, rispondente al 16% della superficie nazionale coltivabile. Dopo la Sicilia, la Puglia è la seconda regione più attiva nel biologico.

Accelerazione della transizione ecologica

Sono circa 24.700 le imprese che hanno investito in Puglia in tecnologie green dislocate nelle province di Bari, che è al primo posto con 10.533 imprese, di Foggia, con 5900 imprese, Brindisi con 5000 imprese, Taranto con 4100 imprese e Lecce con 2200 imprese. Lazzàro ha aggiunto anche che nella regione un dato importante è la componente demografica degli imprenditori agricoli pugliesi moderni. Moltissimi di loro hanno meno di 40 anni. Gli agricoltori attuali hanno una visione diversa dagli agricoltori del passato e sono capaci oltretutto di utilizzare le tecnologie digitali per mettere in atto efficaci strategie di marketing. Le competenze green sono dunque molto importanti in una regione che si avvia ad accelerare la transizione ecologica.

Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Notizie

Puglia, arriva il fotovoltaico gratis sui tetti

Per il fotovoltaico gratis sui tetti sono a disposizione 6,8 milioni di euro a fondo perduto

Published

on

fotovoltaico innovativo

La Puglia è la prima regione in Italia a dare il via al cosiddetto Reddito energetico, ritenuto una vera e propria svolta nella lotta alla povertà energetica che assilla in modo particolare le famiglie a basso reddito. Il caro bollette è diventato una vera ossessione e per questo l’obiettivo è trasformare con il reddito energetico anche i consumatori passivi in produttori di energia, agevolando il passaggio alle fonti rinnovabili. Tutto questo sarà possibile con il fotovoltaico gratis sui tetti, per realizzare il quale sono a disposizione 6,8 milioni di euro a fondo perduto. Scopo della misura è rendere l’Italia indipendente per il suo fabbisogno energetico.

Con il fotovoltaico gratis sui tetti producono tutti

Riccardo Fraccaro ha reso noto che la Regione Puglia ha pubblicato l’avviso per accedere al Reddito energetico rivolto a nuclei familiari che hanno un Isee inferiore a 20mila euro. Con il fotovoltaico gratis sui tetti, l’energia in più prodotta servirebbe ad alimentare la misura e ad assegnare ad altri beneficiari le risorse. Tuttavia, se adesso l’energia da rinnovabili è meno cara, perché i consumatori non possono acquistare elettricità da tali fonti, azzerando i costi di gas e combustibili fossili? Il contributo che si può ottenere a fondo perduto è di massimo 6.000 euro e riguarda anche l’installazione di impianti fotovoltaici, solari termo-fotovoltaici o microeolici per far funzionare gli impianti in condominio.

Domande a partire dal 25 maggio

Fraccaro ha aggiunto che il Reddito energetico è stato l’elemento importante per favorire l’alleanza tra la coalizione per la Puglia e il M5S. L’energia in più prodotta verrà usata per alimentare la misura e assegnare ad altri beneficiari le risorse. Sarà possibile richiedere il Reddito energetico a partire dal 25 maggio. Coloro che hanno i requisiti richiesti potranno presentare la domanda di installazione degli impianti e ottenere un contributo di 8.500 euro per acquistare e installare sistemi di accumulo.

Continue Reading

Trending