Connect with us

Notizie

Rinvio apertura scuole a Ruvo di Puglia

Published

on

Rinvio apertura scuole Ruvo di Puglia per evitare contagi

Mentre la Puglia si avvia a passare in zona arancione e ad aprire le scuole, a Ruvo di Puglia il sindaco Pasquale Chieco ha emanato un’ordinanza in cui ha disposto il rinvio apertura scuole al 30 aprile. Il primo cittadino ha sottolineato che la città pugliese conta il tasso contagi più alto della provincia e quindi non ci sono al momento le condizioni per riaprire le scuole. La Puglia intanto passerà in zona arancione dal 26 aprile, e le scuole potranno iniziare le lezioni in presenza. Sono autorizzate le aperture sia delle scuole elementari e prima media, che gli istituti superiori.

Il rinvio apertura scuole durerà fino al 30 aprile

In controtendenza a quanto accade nella regione pugliese, il sindaco Pasquale Chieco ha emanato una nuova ordinanza in cui ha disposto il rinvio apertura scuole al 30 aprile. Di conseguenza, gli studenti delle scuole delle seconde e terze medie e delle scuole superiori non torneranno in classe. Inoltre, l’ordinanza del sindaco Pasquale Chieco prevede altre prescrizioni anti-Covid. Il primo cittadino ha deciso che l’attività didattica in presenza nelle classi seconde e terze delle scuole secondarie di primo grado ed in tutte le classi delle scuole secondarie di secondo grado rimane sospesa. Tutte le classi indicate potranno sfruttare la didattica a distanza.

I contagi secondo il sindaco sono troppi

A far prendere questa decisione al sindaco è la situazione della pandemia nella città di Ruvo. Infatti, sono ben 365 al momento i cittadini positivi e in isolamento in attesa di tampone ce ne sono altri 255. Inoltre, secondo il report della Asl di Bari, a Ruvo di Puglia nell’ultima settimana di monitoraggio si registra un numero di nuovi contagi molto elevato. Il tasso di variazione su 100 mila pare sia il più alto tra i comuni della città metropolitana. In sette giorni si sono registrati 147 nuovi positivi. Infine, l’analisi dei contagi ha fatto rilevare una incidenza elevata, pari a circa il 60% nell’ambito familiare.

Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Notizie

Vaccini Pfizer e Moderna agli under 60 anche in Puglia

Verranno somministrati solo vaccini Pfizer e Moderna agli under 60 anche in Puglia

Published

on

vaccini pfizer e moderna

Anche in Puglia verranno somministrati solo vaccini Pfizer e Moderna agli under 60. A comunicarlo sono stati Lopalco, assessore alla Sanità, e Vito Montanaro, Direttore del Dipartimento Salute. La decisione di seguire la direttiva nazionale è scaturita dagli eventi avversi accaduti di recente. Il CTS ha aggiornato le indicazioni per portare avanti la campagna vaccinale anti covid e ha introdotto delle nuove regole per salvaguardare la salute dei cittadini. Lopalco e Montanaro hanno emanato una circolare in cui indicano quali sono le direttive nazionali da seguire. Il CTS nel prendere nuove decisioni ha tenuto conto delle valutazioni prese dopo l’incontro della Cabina di Regia.

Anche in Puglia solo vaccini Pfizer e Moderna agli under 60

Secondo quanto definito dalla CTS di AIFA Astrazeneca potrà essere somministrato solamente a soggetti di età superiore ai 60 anni. La Puglia ha dunque emanato una circolare per comunicare ai vari enti come proseguire per portare avanti il Piano Strategico Regionale Vaccinazione anti Covid-19. A meno che non vi siano altre disposizioni dal ministero, tutti gli Enti ed i soggetti coinvolti nella campagna vaccinale anti-SARS-CoV-2/COVID-19 devono seguire quanto deciso dalla regione, in modo da assicurare un proseguimento corretto della campagna vaccinale. La nuova modifica contenuta nella circolare è che agli under 60 verranno somministrati solo vaccini Pfizer e Moderna, sia come prima dose che come seconda dose dopo Astrazeneca.

Dopo 8-10 settimane dalla prima dose verrà somministrata la seconda

Nella circolare la regione Puglia ha comunicato che i vaccini a vettore virale, Vaxzevria e Janssen, devono essere somministrati solamente alle persone di età superiore o uguale ai 60 anni di età. I vaccini Pfizer e Moderna devono invece essere somministrati agli under 60, sia come prima dose che come seconda dose dopo aver ricevuto una dose di vaccino Astrazeneca. A queste persone la seconda dose con un vaccino ad m-RNA verrà somministrata dopo 8-10 settimane dalla prima. Verrà fatto un vaccino m-RNA a tutti gli altri soggetti di età inferiore ai 60 anni che non si sono ancora vaccinati.

Continue Reading

Trending