Connect with us

People

Alessandro Borghese dice la sua su quali sono i locali peggiori e migliori al secondo posto la Puglia

Published

on

alessandro borghese

Lo chef Alessandro Borghese conduce dal 2015 su Sky “4 Ristoranti” e ha condotto ben otto edizioni del programma. Nel format si sfidano quattro ristoratori di una zona geografica uguale e i loro piatti, ma anche servizio, accoglienza, prezzi, tutto viene giudicato con voti che vanno da 0 a 10. Anche Alessandro dà il suo voto e si aggiunge a quello deciso dagli altri. Il risultato può anche capovolgere quello che sembrava il giudizio finale.

Alessandro Borghese e i giudizi sui ristoranti

Fra i tanti che lo chef Alessandro Borghese ha giudicato ve ne sono alcuni che ha giudicato i peggiori e altri i migliori. Secondo lo chef merita il primo posto l’Agriturismo La Biada di Santa Margherita di Pula, in provincia di Cagliari. Nel giudizio finale dato da lui e dai ristoratori ha avuto 37 punti su 40, un punteggio molto alto, ma che meritava in pieno. Al secondo posto si è classificato il pugliese Al Trabucco di Mimì, di Peschici, che ha ottenuto anch’esso un alto punteggio, 35 su 40. A convincere tutti è stata la perfetta fusione tra ispirazione asiatica dei piatti e tradizione.

Anche punteggi bassissimi per ristoranti peggiori

Terzo posto per Josto, un ristornate di Cagliari, e Radici, un bar ristorante di Padova. Entrambi hanno avuto un punteggio di 34 punti su 40. Il ristorante Josto è stato premiato per la sua cucina evolutiva, mentre il bar ristorante di Padova è stato premiato per l’uso di materie prime ricercate. Invece, per quanto riguarda i peggiori ristoranti, scarso punteggio hanno avuto il Duca d’Orvieto, l’Officina del Gusto e la Corte dei Biscari. Il Duca d’Orvieto è stato penalizzato per il servizio, L’Officina del Gusto per aver fatto confusione nei sapori e aver riempito troppo i piatti, mentre la Corte dei Biscari è stato ritenuto non all’altezza di quella che doveva essere una cucina sperimentale.

Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

People

Ricercatore di Torremaggiore in endocrinologia premiato come migliore d’Italia

E’ stato premiato come migliore d’Italia il ricercatore di Torremaggiore in endocrinologia

Published

on

Luigi Barrea Ricercatore di Torremaggiore in endocrinologia

Nei giorni scorsi è stato insignito del titolo di migliore d’Italia il ricercatore di Torremaggiore Luigi Barrea. Lo scienziato italiano under 40 ha vinto il premio italiano più importante per i giovani ricercatori nel campo endocrinologico e metabolico, che è il Premio SIE 40 della Società Italiana di Endocrinologia. Il professore, che è anche Dottore di Ricerca in Scienze dell’Alimentazione e Nutrizione e Specialista in Scienza dell’Alimentazione presso il Centro di Eccellenza dell’obesità accreditato dalla SIO, ha ricevuto il premio durante il 41° Congresso Nazionale della SIE. Nel corso dell’evento ha tenuto una Lectio Magistralis su quanto la nutrizione influenzi gli assi endocrini nel paziente obeso.

Il ricercatore di Torremaggiore felice del premio ricevuto

Il riconoscimento che il ricercatore di Torremaggiore  ha ottenuto lo ha entusiasmato. Barrea ha detto che si tratta di un premio molto importante per tutti i giovani ricercatori che hanno la passione per la ricerca scientifica e spesso hanno anche sacrificato la loro vita privata. Il professore ha concluso la Lectio Magistralis con un ringraziamento profondo ai suoi genitori, ai quali ha dedicato il Premio, ma anche al fratello e alla sorella, che lo hanno sempre supportato in ogni istante della sua vita. Barrea ha aggiunto che il premio per lui rappresenta uno stimolo ulteriore per occuparsi di più alla Società Italiana di Endocrinologia e alla ricerca medica scientifica nazionale e internazionale.

Barrea ha pubblicato oltre 120 articoli

Il ricercatore di Torremaggiore  Luigi Barrea ha alle spalle una pubblicazione di oltre 120 articoli originali su riviste internazionali. I suoi studi spaziano dall’obesità alle disfunzioni endocrine come sindrome dell’ovaio policistico, tumori tiroidei, ipovitaminosi D e tumori neuroendocrini alle patologie dermatologiche come psoriasi, acne ed idrosadenite suppurativa. Da poco si occupa anche della dieta chetogenica nei pazienti obesi. E’ stato premiato con riconoscimenti italiani ed internazionali, fra questi c’è anche il premio Nutrients 2020 Young Investigator Award, ricevuto come giovane ricercatore mondiale nel campo della nutrizione clinica. Solo due ricercatori in tutto il mondo lo hanno ricevuto.

Continue Reading

Trending