Connect with us

Cucina

Ricetta pasticciotto leccese

Published

on

Ricetta pasticciotto leccese

I pasticciotti sono dei tradizionali dolci leccesi che oramai si preparano in tutta la Puglia. Con la crema pasticcera, rappresentano la colazione ideale.

Oggi vengono preparati anche in diverse versioni, come al cioccolato o con crema di nocciole. Per la frolla fragrante e il cuore soffice sono amati da tutti.

Li possiamo trovare in ogni bar della regione, ma perché non provare a realizzarli in casa?

Avremmo così la possibilità di mangiarne ogni volta che lo desideriamo.

Ecco il procedimento facile e veloce di come realizzarli.

Dosi: 15 pasticciotti
Difficoltà: facile
calorie: 431 per porzione
Riposo: 1 ora e mezza
Preparazione: 15 minuti
Cottura:35 min
Costo: basso

Ingredienti ricetta pasticciotti

per la frolla

  • 500 gr di farina 00
  • 250 gr di burro
  • 4 tuorli
  • 1 baccello di vaniglia
  • 200 gr di zucchero a velo

per il ripieno

  • 50 gr di farina 00
  • 500 ml di latte
  • 6 tuorli
  • 1 baccello di vaniglia
  • 150 gr di zucchero
  • amarene sciroppate q.b.

per spennellare

  • 1 tuorlo
  • latte q.b.

Procedimento ricetta pasticciotto leccese

  1. In un mixer, versiamo la farina con il burro e frulliamo fino ad ottenere un composto dall’aspetto sabbioso e farinoso. Passiamolo su una spianatoia e aggiungiamo lo zucchero, i semi del baccello di vaniglia e i tuorli.
  2. Impastiamo velocemente fino ad ottenere un impasto compatto ed abbastanza elastico, infine avvolgiamolo nella pellicola trasparente e mettiamola a riposare in frigo per almeno mezz’ora.
  3. Nel frattempo prepariamo la crema pasticcera, scaldando il latte a fuoco basso con la bacca di vaniglia aperta. nel frattempo, sbattiamo bene i tuorli con lo zucchero e uniamo la farina setacciata. Infine, aggiungiamo il composto al latte e mescoliamo a fuoco basso con una frusta. fino ad addensarlo. Versiamo la crema pronta in una ciotola e mettiamola  a raffreddare in frigo con un foglio di pellicola a contatto.
  4. Stendiamo la frolla con il mattarello sottilmente e foderiamo gli stampi già imburrati e infarinati, eliminando la parte eccedente.
  5. All’interno di ciascuno mettiamo un paio di cucchiai di crema pasticcera e con altra frolla copriamoli fissando bene i bordi,
  6. Sbattiamo un tuorlo con poco latte e spennelliamo la superficie. Inforniamo a forno preriscaldato a 180°C per circa 35 minuti.

Conservazione

I pasticciotti si possono conservare in un contenitore chiuso ermeticamente, fino a 3 giorni in frigo. Prima di consumarli, lasciamoli a temperatura ambiente per  un’ ora.

I dolci si possono congelare crudi e per consumarli, basta infornarli immediatamente per 40 minuto a 180°C.

Consiglio

Se desideriamo realizzare i classici pasticciotti leccesi, dobbiamo procurarci le formine adatte, ovali e alte circa 3 cm.

Sono un’idea per ogni occasione e per una festa li possiamo realizzare con diverse farciture.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cucina

Capodanno in Puglia, la notte del 31 dicembre cosa si mangia

Ecco i menu più buoni che si possono degustare durante il Capodanno in Puglia

Published

on

Capodanno in Puglia

Cosa si mangia per il Capodanno in Puglia? Le prelibatezze pugliesi che si possono degustare in un giorno così particolare sono davvero tantissime, e ve ne sono alcune che non possono assolutamente mancare in una regione dove il cibo è vita.  Ormai manca poco per abbuffarsi, così come è accaduto per il Natale, anche se non tutto può entrare nella pancia. Ma quali sono i menù più buoni? Tante nonne pugliesi sono all’opera per la notte di San Silvestro, e la considerano una grande occasione per mettere tutta la famiglia insieme, ma anche un bel momento per proporre le loro leccornie.

Leccornie da degustare per il Capodanno in Puglia

Di provincia in provincia il menù può essere variegato, ma vi sono delle cose che sono presenti in qualsiasi zona e quindi chi trascorre il Capodanno in Puglia potrà degustare. Prima di tutto, non possono mancare le lenticchie, presenti in tutti i menù di Capodanno, così come non mancheranno le cime di rapa stufate a cui vengono abbinate le frittelle. Immancabili sono anche gli antipasti a base di pesce e frutti di mare, ma anche il cotechino e lo zampone sono indiscussi protagonisti della cena della fine dell’anno. Fra i primi piatti si possono assaporare le orecchiette con le rape, gli spaghetti con sugo della salsiccia e le sagne ‘ncannullate.

Anche secondi e dolci squisiti

Fra i secondi piatti per il Capodanno in Puglia non possono mancare quelli a base di pesce, come il baccalà al sughetto e la salsiccia di cavallo oppure il maiale al sugo. Oltre ai tipici dolci pugliesi, come le cartellate, i mostaccioli, le frittelle dolci, le mandorle atterrate e tanti altri, un occhio di riguardo merita anche la frutta secca, a cui vengono affiancato cicorie, sedano e finocchi. A completare il tutto è lo spumante che dà il benvenuto al nuovo anno. Tutti si divertono e degustano le tante prelibatezze che adornano le tavole.

Continue Reading

Trending