South Cultural Routes, al Salon “Destination Nature” anche la Puglia

0
29
South Cultural Routes

Con lo slogan “Vieni a prendere una boccata d’aria fresca e fai scorta di idee per le tue prossime vacanze in foresta!” la Puglia si presenta con il progetto South Cultural Routes. Il salon “Destination nature” che si è svolto a Parigi alla Porte de Versailles dal 15 al 18 marzo 2018 ha visto infatti presente anche la Puglia che vi ha preso parte con la Campania, la Calabria, la Basilicata e il Molise.

La partecipazione della Puglia a Parigi rientra nell’ambito del progetto interregionale South Cultural Routes finanziato dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, che si pone l’obiettivo di promuovere degli itinerari culturali e dei cammini specifici nel sud Italia. Per l’evento è stata realizzata una mappa plurilingue dei cammini che si tengono nelle regioni partner del progetto.

South Cultural Routes progetto interregionale

Sempre nell’ambito del progetto South Cultural Routes è stato presentato il film di Piva “Road to myself” con i sottotitoli in francese. Molto interesse è stato mostrato verso i cammini del “talon de la botte italienne”, les Pouilles da parte del pubblico che ha visitato il salon. L’area espositiva di 8000 mq ha consentito ai visitatori di scoprire tutte le novità riguardo le escursioni nel sud Italia e la prima delle regioni d’Italia a comparire è stata proprio la Puglia.

L’assessore all’Industria Turistica e culturale Loredana Capone ha commentato così le bellezze della regione pugliese: “La Puglia è a tutti gli effetti una destinazione per vacanze Natura, per gli amanti dell’outdoor e dei viaggi al di fuori dei sentieri battuti. La particolarità dei cammini pugliesi, che sono stati promossi a Parigi da Pugliapromozione, come la Via Francigena del Sud, la Via Michaelica, la Via Leucadense, la Via sallentina, il cammino dei Sanniti  e il Cammino Materano, e che si tratta di un turismo ambientale fatto di natura, ma anche di storia e cultura. E questo è un momento in cui il turismo   ambientale che comprende agriturismi, parchi, aree protette, guide, ha il vento in poppa e cresce in Italia del 3% ‘anno. “