Connect with us

Turismo

La nuova frontiera dei Vip è Monopoli, fra ulivi e trulli ecco il «buen retiro»

Published

on

Monopoli, Puglia

Trascinata a Monopoli dal forte richiamo della terra, Mea Argentieri ha iniziato qui una nuova vita. La città è la nuova frontiera dei Vip e fra ulivi e trulli ecco il “buen retiro” che unisce la Puglia a Los Angeles, quest’ultima città dove ha sempre vissuto la famosa influencer. Tuttavia, la Argentieri ha origini italiane, per la precisione abruzzesi di Chieti. Le sue figlie sono rimaste a Los Angeles, ma lei non ha resistito ed eccola oggi a Monopoli a vivere una meravigliosa avventura. Nota come una fra le 100 top influencer di Los Angeles al mondo, arriva dal cinema, così come il marito David Cornell, regista sudafricano stregato dalle distese azzurro versi pugliesi.

Monopoli è la nuova frontiera dei Vip

Dopo aver riflettuto hanno preferito lasciare il caos per rifugiarsi in un angolo di paradiso. Hanno quindi comprato un rudere di un’antica tenuta del 1640 in una locanda di lusso. Ad oggi la masseria Cacatosto a Macchia di Monte ospita amici e turisti e propone percorsi enogastronomici d’autore che sono un mix straordinario di viaggi e storie. Mea ha rivelato di aver vissuto per alcuni anni a Roma con le sue figlie e una volta, mentre cercava una casa per l’estate ha visitato le isole Procida, Ponza e poi è andata a finire in Puglia.

Mea Argentieri ha trasformato un rudere in una locanda di lusso

Mea Argentieri ha scoperto il sud nel 2002, e allora trascorse le vacanze nel Salento, ma quando visitò la Valle d’Itria si rese conto che avrebbe comprato casa lì. La masseria a Fasano era già pronta per diventare sua, ma quando ritornò per chiudere l’affare mise piede nella terra di masseria Cacatosto e capì che quella sarebbe diventata la sua casa. C’erano nove trulli, era tutto diroccato, ma attorno c’erano circa quattro ettari di terreno. Oggi producono vini e sono felici.

 

Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Turismo

The Guardian premia Brindisi perla italiana del 2021

Il riconoscimento di Brindisi perla italiana dato dal The Guardian per le sue bellezze

Published

on

brindisi

Il famoso quotidiano britannico The Guardian ancora una volta dimostra la sua predilezione per la Puglia e incorona Brindisi perla italiana del 2021. Per il quotidiano la città pugliese è stata una vera scoperta ed è stata inserita nella classifica redatta come ogni anno insieme a Cefalù, altro splendido borgo della Sicilia. A descrivere le meraviglie di Brindisi è stata Liz Boulter, che ha sottolineato come la provincia pugliese riesca subito a conquistare tutti grazie al suo fascino di città portuale. Lo spettacolare lungomare, costellato di gelaterie, bar e ristoranti, è qualcosa di unico e indescrivibile. La Boulter ha proseguito con la descrizione dei tesori del centro storico.

Il titolo a Brindisi perla italiana del 2021

Liz Boulter ha ovviamente parlato nel suo articolo anche delle meraviglie classiche della città, come le Colonne Romane, situate nei pressi del porto e testimonianza preziosa del suo passato glorioso. Sul sito Si Viaggia si legge che il riconoscimento per Brindisi perla italiana del 2021 da parte del The Guardian è stato motivato dal fatto che in questa città convivono in armonia perfetta antico e moderno. Proprio le Colonne Romane, realizzate in marmo proconnesio nella seconda metà del II secolo d.C, e di cui ve ne è solo una integra, sono un esempio delle tracce antiche della città presenti e ben visibili.

Autentiche meraviglie a Brindisi

Molti studiosi sostengono che le colonne romane sono state fatte costruire dall’imperatore Traiano in onore della costruzione della via Appia, nello specifico nel tratto che portava da Benevento a Brindisi. Il sito afferma anche che a Brindisi ci sono tantissime attrazioni, come la Cattedrale, il Museo Archeologico, l’area archeologica di San Pietro degli Schiavoni, dove è possibile ammirare la Brindisi romana. Nel centro storico della città si possono visitare gioielli straordinari come il Tempietto di San Giovanni al Sepolcro, caratteristico con la sua pianta circolare, da dove sono passati crociati e pellegrini che andavano in Terra Santa.

Continue Reading

Trending