Connect with us

Turismo

San Giovanni Rotondo: riaprono celebrazioni

Published

on

san giovanni rotondo puglia

SAN GIOVANNI ROTONDO San Giovanni Rotondo news: riapre il paese di Padre Pio alle celebrazioni religiose e anche al turismo religioso che ne consegue.

Infatti, per le celebrazioni religiose c’è già stato il boom delle prenotazioni. In più, le prenotazioni sono state necessarie per evitare assembramenti, in base alle norme anti-contagio.

Le sante messe a San Giovanni Rotondo santuario e negli altri luoghi di culto sono alle ore:

  • 10.00;
  • 11.30;
  • 18.00.

Gli ingressi sono ovviamente contingentati. In ogni caso, non ci saranno più di 200 fedeli a celebrazione, con il dovuto distanziamento sociale. In più, non si potrà fare il segno della pace come al solito, ma basterà un cenno del capo, come disposto dal Santo Padre.

San Giovanni Rotondo come arrivare

Il paese in provincia di Foggia si può raggiungere:

  • via treno. Si raggiunge Foggia e da lì si prende l’autobus Sita. I biglietti si possono prendere al tabaccaio vicino alla stazione;
  • in aereo. Si raggiunge Bari e poi via treno/autobus/taxi Foggia. Infine, da lì si prende l’autobus Sita per il paese di Padre Pio;
  • direttamente con le linee autobus Sita;
  • in auto (da Nord), seguendo il seguente percorso:
    • A 14 (Bologna-Bari);
    • casello autostradale di San Severo;
    • S. Giovanni Rotondo via S. Marco in Lamis.
  • in auto (da Sud):
    • A 16 (Napoli-Bari);
    • casello autostradale di Candela, proseguendo per Foggia;
    • da Foggia, arrivare a Manfredonia, quindi a destinazione.
  • in auto (percorso alternativo):
    • A 16 (Taranto-Bari-Pescara);
    • casello autostradale Cerignola Est;
    • arrivare sulla strada per Manfredonia, quindi a destinazione.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Turismo

The Guardian premia Brindisi perla italiana del 2021

Il riconoscimento di Brindisi perla italiana dato dal The Guardian per le sue bellezze

Published

on

brindisi

Il famoso quotidiano britannico The Guardian ancora una volta dimostra la sua predilezione per la Puglia e incorona Brindisi perla italiana del 2021. Per il quotidiano la città pugliese è stata una vera scoperta ed è stata inserita nella classifica redatta come ogni anno insieme a Cefalù, altro splendido borgo della Sicilia. A descrivere le meraviglie di Brindisi è stata Liz Boulter, che ha sottolineato come la provincia pugliese riesca subito a conquistare tutti grazie al suo fascino di città portuale. Lo spettacolare lungomare, costellato di gelaterie, bar e ristoranti, è qualcosa di unico e indescrivibile. La Boulter ha proseguito con la descrizione dei tesori del centro storico.

Il titolo a Brindisi perla italiana del 2021

Liz Boulter ha ovviamente parlato nel suo articolo anche delle meraviglie classiche della città, come le Colonne Romane, situate nei pressi del porto e testimonianza preziosa del suo passato glorioso. Sul sito Si Viaggia si legge che il riconoscimento per Brindisi perla italiana del 2021 da parte del The Guardian è stato motivato dal fatto che in questa città convivono in armonia perfetta antico e moderno. Proprio le Colonne Romane, realizzate in marmo proconnesio nella seconda metà del II secolo d.C, e di cui ve ne è solo una integra, sono un esempio delle tracce antiche della città presenti e ben visibili.

Autentiche meraviglie a Brindisi

Molti studiosi sostengono che le colonne romane sono state fatte costruire dall’imperatore Traiano in onore della costruzione della via Appia, nello specifico nel tratto che portava da Benevento a Brindisi. Il sito afferma anche che a Brindisi ci sono tantissime attrazioni, come la Cattedrale, il Museo Archeologico, l’area archeologica di San Pietro degli Schiavoni, dove è possibile ammirare la Brindisi romana. Nel centro storico della città si possono visitare gioielli straordinari come il Tempietto di San Giovanni al Sepolcro, caratteristico con la sua pianta circolare, da dove sono passati crociati e pellegrini che andavano in Terra Santa.

Continue Reading

Trending