Home MagazineViaggi Castello Nuovo di Trepuzzi inserita tra i luoghi del cuore FAI

Castello Nuovo di Trepuzzi inserita tra i luoghi del cuore FAI

by Giusy
Castello Nuovo di Trepuzzi inserita tra i luoghi del cuore FAI

TREPUZZI – Il Castello Nuovo di Trepuzzi è stata inserita nei luoghi del cuore FAI. Trepuzzi, comune situato a nord ovest di Lecce, vanta un territorio ricco di bellezze tutte da scoprire, che sono di notevole interesse storico e culturale. Tra le tante meraviglie di questa cittadina spicca il Castello Nuovo, noto anche come palazzo Barrile – Spinelli. La costruzione è considerata la più suggestiva del paese e tra le più belle in assoluto, tanto da essere stata inserita nei primi 100 luoghi del cuore della fondazione che si propone di valorizzare il territorio FAI.

Castello Nuovo di Trepuzzi e la torre

Per quanto riguarda il Castello Nuovo di Trepuzzi i primi documenti risalgono alle Visite Pastorali che parlano di edifici da restaurare, almeno dalla richiesta fatta dal marchese Francesco Carignani. E’ dunque certo che nel 1729, ovvero l’anno in cui è stata avanzata la richiesta di restauro, la struttura era in cattivo stato e quindi doveva essere curata. Ad oggi il castello presenta una struttura trapezoidale, suddivisa su due livelli i e con un ampio cortile rettangolare. Dall’interno di raggiunge il giardino raggiungibile, bellissimo con la sua vegetazione mediterranea, composta soprattutto da agrumi, vigneti, erbe aromatiche e spezie. Ben visibile è la torre, che nell’antichità rappresentava strumento ideale per difendersi dalle invasioni.

Castello Nuovo di Trepuzzi opera di notevole importanza

La facciata del Castello Nuovo di Trepuzzi è composta da un portale bugnato, con un arco a tutto sesto, finestre e una lunga balconata. La parte di sopra ha un lungo portico decorato con mensole scolpite e una balaustra con colonnine. La costruzione risale agli inizi del XVII secolo, per volontà dei Condò, feudatari della città, poi è divenuto residenza dei duchi Carignani e i restauri sono stati fatti per l’ultima volta nel i 1887.

Related Articles

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.