Cosa vedere a Conversano, Bari

Bellissima cittadina barese, Conversano è la location ideale da visitare e dove scoprire numerose bellezze architettoniche e artistiche. Scopriamo di più su questa cittadina pugliese.

0
254
Cosa vedere a Conversano - Puglia
Castle of Conversano. Riconoscimento editoriale: Mi.Ti. / Shutterstock.com

CONVERSANO – Destinazione perfetta per una gita fuori porta, Conversano è una cittadina che ha molto da mostrare. Edificato su un’altura delle Murge sud–orientali, le sue origini risalgono all’età del ferro. Il paese è famoso per la produzione delle ciliegie e vanta anche una necropoli con sepolture risalenti al IV secolo a.C. Nel centro storico gli edifici da poter ammirare sono prima di tutto il castello, di origine normanna e situato sul punto più alto della città. La struttura nasce come fortezza ma durante i secoli ha subito diversi rimaneggiamenti fino a prendere l’aspetto di una lussuosa dimora. All’interno del castello si può ammirare la pinacoteca comunale in cui sono esposte opere di Paolo Domenico Finoglia, pittore secentesco.

Edifici religiosi a Conversano

Sempre nel centro di Conversano, a poca distanza dal castello troviamo la cattedrale, bellissimo edificio in stile romanico pugliese con elementi barocchi. L’interno della chiesa è a croce latina a tre navate. Da visitare è anche il convento di S. Benedetto, celebre nel XIII secolo e al cui interno si trova il museo civico, in cui sono esposti reperti dell’antica Norba. Splendida è anche la chiesa di Santa Maria dell’Isola, che conserva al suo interno stupendi altari in legno intarsiato, affreschi seicenteschi ed il monumento funebre di Giulio Antonio Acquaviva ucciso dai turchi nel corso dell’assedio di Otranto. Di grande interesse è anche la chiesa di Santa Caterina, con la sua caratteristica pianta a quadrifoglio.

La riserva naturale regionale orientata dei Laghi di Conversano e Gravina di Monsignore

Una visita merita anche la riserva naturale regionale orientata dei Laghi di Conversano e Gravina di Monsignore, meravigliosa con i suoi laghetti all’interno. Questi laghetti non sono altro che delle depressioni naturali che hanno la funzione di riserva d’acqua e vi sono cisterne di epoca preromana rivestite con pietre a secco.