Connect with us

Notizie

Avvistata in Puglia una tartaruga gigante africana

La tartaruga gigante africana è stata avvistata sulla carreggiata della provinciale, tra le auto

Published

on

Avvistata in Puglia una tartaruga gigante africana

Sulla strada Provinciale tra Alessano e Trecase, in provincia di Lecce, in Puglia, è stata avvistata una tartaruga gigante africana. Questo esemplare raro è stato visto sulla carreggiata, mentre si trovava tra le auto, come è stato possibile vedere dalle immagini che sono state postate online e che subito si sono diffuse sul web. Pare che questo rarissimo esemplare appartenga alla specie vivente del genere Centrochelys,unica e originaria del confine meridionale del deserto del Sahara. La tartaruga in questione è detenuta legalmente ed appartiene ad un agriturismo della zona.

E’ stata recuperata la tartaruga gigante africana

Tutto è andato comunque bene per la tartaruga gigante africana, infatti è stata già recuperata e riportata dai proprietari, nell’agriturismo che si trova nella zona. In questi ultimi periodi non sono mancati avvistamenti inusuali, come quello di  qualche settimana fa, quando un’altra tartaruga è stata avvistata nel Mar Ligure, a circa un miglio di distanza dal litorale compreso fra Marina degli Aregai e Imperia. La tartaruga avvistata era un esemplare di tartaruga Liuto, la più grande del mondo, e ad accorgersi della sua presenza è stato un gruppo di giovani ricercatori. Nel mese di luglio è stato avvistato invece un grande squalo bianco di circa 5 metri sempre nel Mar Ligure.

Altri avvistamenti strani nella penisola

Ma nell’arco di questo anno non sono mancati davvero avvistamenti insoliti, come quello avvenuto ad aprile a Civitanova, dove un pescatore,mentre si trovava al largo, ha incrociato un cerbiatto che stava nuotando in acqua. In Sicilia, nel mese di giugno, un pescatore ha avvistato due cinghiali che nuotavano verso il borgo marinaro di Marzamemi, in provincia di Siracusa. In Puglia, invece, nel mese di Aprile è stata ritrovata quella che si pensava fosse la pantera nera, mentre invece si trattava di un serval con cuccioli al seguito. Un altro strano avvistamento è stato fatto nel 2020,quando in Toscana, nei boschi della zona del Calcione, al confine tra le province di Arezzo e Siena, è stato segnalato un canguro.

Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Notizie

Poliziotti non vaccinati in Puglia, problemi per il Green Pass

Published

on

Poliziotti non vaccinati e senza Green Pass

Il 15 ottobre è entrato in vigore il Green Pass obbligatorio per entrare nei luoghi di lavoro. A causa di questo obbligo sono nati problemi anche fra le Forze di Polizia. Anche i poliziotti non vaccinati in Puglia sono ancora tanti, e Michele Caputo, segretario generale della Regione Puglia del sindacato di Polizia LeS (Libertà e Sicurezza), ha sottolineato la libertà di scelta che ciascuno dovrebbe avere in una democrazia. Chi non ha fatto il vaccino avrà avuto i suoi motivi, magari per patologie, oppure per ragioni mediche di altro tipo. E’ comunque un diritto non volersi vaccinare contro il covid-19 e un sindacato ha l’obbligo di tutelarlo.

I poliziotti non vaccinati in Puglia sono numerosi

Caputo ha sottolineato che non vaccinarsi è una libera scelta, ma è invece un obbligo fare il tampone ogni 48 ore per entrare nei luoghi di lavoro. Purtroppo, mentre il vaccino è gratuito, il tampone è a pagamento e il dipendente deve affrontare una spera esosa pari a circa 200 euro mensili. Sicuramente dovrà anche prendersi delle ferie per alternarli alle giornate di lavoro. L’organico è già carente in Puglia, e se si assentano più poliziotti insieme ci potrebbero essere conseguenze serie per la sicurezza del territorio. La proposta di Caputo avanzata per evitare problemi non è stata accettata.

Bisogna trovare una soluzione

Caputo aveva proposto di far fare i tamponi ai poliziotti non vaccinati in Puglia e nelle altre regioni presso le sale mediche delle sedi di polizia, a titolo gratuito oppure pagando solo le spese del materiale. La sua proposta non è stata accettata, ma invece sarebbe stata l’unica plausibile e facile anche da mettere in atto. Il sindacalista ha sottolineato che ha anche fatto chiesto in passato aiuto ad Emiliano, e che lo farà nuovamente per tentare di trovare una soluzione. Sarebbe proprio il caso di risolvere questa situazione prima che possa accadere l’irreparabile e che venga messa a rischio la sicurezza nazionale.

Continue Reading

Trending