Connect with us

Notizie

Problema acqua in Puglia, bisogna ridurre i consumi

Si torna a parlare del problema acqua in Puglia, che in realtà è di tutta l’Italia

Published

on

problema acqua in puglia

Con la siccità e i cambiamenti climatici in atto si torna a parlare del problema acqua in Puglia e nel resto d’Italia. Nella classifica nazionale la provincia di Bari è a metà posizione, e anche se si sta cercando di migliorare le reti idriche grazie ad ingenti investimenti, tuttavia non basta. Da quando si è saputo che sulla borsa americana verranno usati strumenti finanziari sull’andamento del prezzo dell’acqua ciascun governo è entrato in allarme. Il consumo di acqua rimane ancora molto alto in Italia, basta pensare che nel 2020 è stato di 9.5 miliardi di metri cubi, che equivale a circa 450 litri pro capite giornalieri.

E’ allarme per il problema acqua in Puglia

Un sondaggio effettuato da prontobolletta.it  ha avuto come esito che l’Italia nell’Unione Europea è al primo posto per prelievo di acqua. Tutto ciò è dovuto soprattutto alla dispersione molto elevata delle reti idriche che si attesta intorno al 50%. Sai tratta di una enorme anomalia, che fa sprecare moltissima acqua, praticamente il doppio di quanto effettivamente ne viene usata. Per questo motivo molte regioni stanno provvedendo al risparmio di acqua, e mai come negli ultimi tre anni si è fatto tanto per raggiungere questo obiettivo. Fra il 2017 e il 2020 l’Italia ha risparmiato circa il 2,3% di acqua potabile, e al primo posto di questa grande lotta c’è la Liguria, che ha ridotto del 9% l’uso dell’acqua.

Quanta acqua è stata risparmiata in Puglia

La seconda in classifica è la Calabria, con l’8,00% in meno, il Friuli Venezia Giulia, con il 6,86% in meno il Veneto, che ha consumato il 4,33% di acqua in meno, la Basilicata con il 4,03% e la Puglia con il 3,86% in meno. In Puglia il consumo di acqua è diminuito rispetto al 2014, ma tra il 2017 e il 2020 è calato ancora. In totale, dal 2014 al 2017, la regione Puglia ha consumato l’11,2% in meno di acqua. Il risparmio maggiore di acqua si sta verificando soprattutto nella provincia di Bari, dove si è registrata una percentuale di variazione del -13,7%.

Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Notizie

Giochi del Mediterraneo 2026, presentato il piano a Taranto

A Taranto è stato presentato il piano per i Giochi del Mediterraneo 2026

Published

on

giochi mediterraneo 2026

Sono stati annunciati a Taranto i preparativi per i A Taranto è stato presentato il piano per i Giochi del Mediterraneo 2026, giunti alla XX edizione. I lavori al Salone degli Specchi del Comune di Taranto sono stati presieduti dal presidente del Coni, e vi hanno preso parte fra i rappresentanti istituzionali dei Giochi e della Regione Puglia il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, Davide Tizzano, presidente del Comitato Internazionale dei Giochi del Mediterraneo,Elio Sannicandro, Direttore di ‘Taranto2026’ e i sindaci dell’Area jonico-tarantina. Il presidente Malagò ha detto che il 2026 sarà per lo sport italiano un anno speciale.

Giochi del Mediterraneo 2026 giunti alla XX edizione

Oltre alle Olimpiadi Invernali di Milano Cortina, l’Italia ospiterà la XX edizione dei Giochi del Mediterraneo 2026 che si svolgeranno a Taranto. Malagò ha sottolineato che per il paese si tratta di un altro riconoscimento importante, ma lo è in modo particolare per il mondo sportivo che ha come riferimento il Comitato Olimpico Nazionale Italiano, all’estero apprezzato per aver organizzato i grandi eventi alla perfezione. Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha condiviso con Malagò le parole sulla pianificazione e l’organizzazione della kermesse, e ha ribadito che la volontà della Puglia è di impegnarsi per far riuscire la manifestazione.

I giochi valorizzano il territorio

Elio Sannicandro, Direttore ‘Taranto2026’, ha detto che i Giochi del Mediterraneo daranno ancora più valore alla storia millenaria di Taranto. La città si sta preparando per accogliere un evento internazionale che le darà una grande ribalta. L’intera Area jonico-salentina si sta impegnando per rappresentare l’Italia in maniera degna e torna protagonista del Mediterraneo. Inoltre, i sindaci dell’area jonico-salentina hanno firmato un documento per chiedere al Governo italiano il sostegno economico-finanziario necessario per garantire lo svolgimento della XX edizione dei giochi. Il documento è stato inviato al Presidente Mario Draghi, ai Ministri Mara Carfagna e Daniele Franco, e a Valentina Vezzali, Sottosegretario allo Sport.

Continue Reading

Trending