Connect with us

Notizie

Taranto, tutti insieme per Max, da cane randagio diventa cane di quartiere

Published

on

insieme per max

A Taranto i cittadini hanno lottato tutti insieme per Max, un cane randagio che in poco tempo è diventato un cane di quartiere. Questo bellissimo meticcio, conosciuto da tutti nel rione Borgo di Taranto, dopo una segnalazione arrivata all’Asl locale era finito in canile. Abituato da otto anni a vivere per strada, il cane era stato catturato dai dipendenti della Asl mentre si trovava in piazza della Vittoria ed era stato portato nel canile cittadino. Immediatamente la notizia si è sparsa per tutto il quartiere ed è anche scattata una campagna virale sui social con tanti appelli per liberare il cane.

Tantissime persone hanno chiesto la liberazione del cane

Al grido di tutti insieme per Max la campagna è andata avanti, e nel frattempo è partita anche la ricerca per rintracciare i testimoni oculari dell’aggressione. Tutto questo ha fatto piovere tantissime richieste di adozione per il cane, tanto che i centralini del canile sono andati in tilt. Tanta gente si era mobilitata e molti avevano anche pubblicato le foto di Max mentre giocava e saltava con i bambini. Coloro che lo conoscevano hanno dato la testimonianza che il cane non avrebbe mai fatto del male a nessuno. E poi era abituato a stare in libertà, il canile lo avrebbe sicuramente ucciso.

Tutti insieme per Max, il cane porta il collare della città

La petizione che era stata lanciata per la liberazione del cane nel giro di poche ore ha raggiunto quasi 10mila firme. Il sindaco di Taranto Rinaldo Melucci ha quindi deciso di ascoltare i cittadini, così ha firmato l’autorizzazione per liberare Max. Anzi, è andato lui di persona al canile per liberare l’animale. Max oggi è diventato un cane di quartiere, porta il collare della città e ha anche dei custodi che si prendono cura di lui. La liberazione del cane ha accomunato tante persone e in questo periodo buio è stato come ritrovare quella umanità che a volte sembra essere svanita.

Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Notizie

Giochi del Mediterraneo 2026, presentato il piano a Taranto

A Taranto è stato presentato il piano per i Giochi del Mediterraneo 2026

Published

on

giochi mediterraneo 2026

Sono stati annunciati a Taranto i preparativi per i A Taranto è stato presentato il piano per i Giochi del Mediterraneo 2026, giunti alla XX edizione. I lavori al Salone degli Specchi del Comune di Taranto sono stati presieduti dal presidente del Coni, e vi hanno preso parte fra i rappresentanti istituzionali dei Giochi e della Regione Puglia il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, Davide Tizzano, presidente del Comitato Internazionale dei Giochi del Mediterraneo,Elio Sannicandro, Direttore di ‘Taranto2026’ e i sindaci dell’Area jonico-tarantina. Il presidente Malagò ha detto che il 2026 sarà per lo sport italiano un anno speciale.

Giochi del Mediterraneo 2026 giunti alla XX edizione

Oltre alle Olimpiadi Invernali di Milano Cortina, l’Italia ospiterà la XX edizione dei Giochi del Mediterraneo 2026 che si svolgeranno a Taranto. Malagò ha sottolineato che per il paese si tratta di un altro riconoscimento importante, ma lo è in modo particolare per il mondo sportivo che ha come riferimento il Comitato Olimpico Nazionale Italiano, all’estero apprezzato per aver organizzato i grandi eventi alla perfezione. Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha condiviso con Malagò le parole sulla pianificazione e l’organizzazione della kermesse, e ha ribadito che la volontà della Puglia è di impegnarsi per far riuscire la manifestazione.

I giochi valorizzano il territorio

Elio Sannicandro, Direttore ‘Taranto2026’, ha detto che i Giochi del Mediterraneo daranno ancora più valore alla storia millenaria di Taranto. La città si sta preparando per accogliere un evento internazionale che le darà una grande ribalta. L’intera Area jonico-salentina si sta impegnando per rappresentare l’Italia in maniera degna e torna protagonista del Mediterraneo. Inoltre, i sindaci dell’area jonico-salentina hanno firmato un documento per chiedere al Governo italiano il sostegno economico-finanziario necessario per garantire lo svolgimento della XX edizione dei giochi. Il documento è stato inviato al Presidente Mario Draghi, ai Ministri Mara Carfagna e Daniele Franco, e a Valentina Vezzali, Sottosegretario allo Sport.

Continue Reading

Trending