Due mele al giorno per eliminare il colesterolo

Una mela al giorno toglie il medico di torno e due mele al giorno eliminano il colesterolo! Secondo quanto stabilito da uno studio britannico, la riduzione del rischio di problemi cardiovascolari non è un sogno. Mangiando almeno due mele quotidianamente per 8 settimane consecutive, si ha la possibilità di far diminuire il colesterolo ed il connessione rischio cardiovascolare. Lo studio è stato pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition qualche giorno fa.

Lo studio britannico sul rischio cardiovascolare e l’alimentazione

I ricercatori britannici hanno approfondito come la mela agisce per ridurre il rischio cardiovascolare. Secondo quanto stabilito dall’Università di Reading, in Gran Bretagna, mangiando due mele al giorno, il colesterolo si abbassa. Lo studio è stato condotto su 40 pazienti di età compresa tra i 20 ed i 69 anni. Le persone che avevano ipercolesterolemia utilizzando le mele e nutrendo se n’è per due volte al giorno, riuscivano ad abbassare del 4% i livelli di colesterolo cattivo punto nel corso di 8 settimane questo risultato veniva confermato. I ricercatori, per condurre questo studio, hanno scelto come qualità di mele renette del Canada che sono particolarmente ricche di polifenoli. In realtà però, secondo gli studiosi, questo effetto vale per tutti i tipi di mele.

Mangiare due mele al giorno per combattere l’ipercolesterolemia

Lo studio ha dimostrato che gli effetti benefici non erano diffusi, invece, tra coloro che bevevano il succo dello stesso prodotto. Colesterolo più basso quindi, solo per chi mangiava effettivamente le mele. Allora è stato confermato il consiglio di mangiare almeno due mele al giorno per 8 settimane per vedere abbassare i livelli di colesterolo di 4 punti in percentuale. Intanto, ovviamente, gli studiosi sottolineano anche quanto sia importante continuare però a seguire la dieta eliminando i cibi che fanno aumentare il colesterolo cattivo e usare l’aiuto delle mele come un’extra.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
POTREBBE INTERESSARTI