Canone Rai, se hai quest’età non devi pagarlo: ecco quale

Da sempre il Canone Rai è tradizionalmente tra le forme di imposta tra le meno gradite in senso assoluto anche perchè ci si trova spesso a fare i conti con qualcosa che neanche viene sempre percepito come tale, ossia una forma obbligatoria di pagamento di una tassa. A lungo il canone televisivo è stato invece visto come qualcosa sul genere di “offerta libera” nei confronti del servizio pubblico, cosa mai in realtà effettivamente vera. A lungo tutti i governi hanno fatto il possibile per rendere il Canone Rai qualcosa di meno sgradito, anche modificandone la struttura e sviluppando esenzioni specifiche  che possono rendere possibile da parte di alcune forme di utenza non pagare affatto questa imposta anche in base all’età.

Tra le varie casistiche che rendono possibile ricevere una esenzione totale infatti se ne evidenzia una particolare forma di età da parte del richiedente.

In base a questo concetto, chi può ottenere l’esenzione totale del Canone Rai?

Non vuoi pagare il Canone Rai? Se hai questa età è possibile

canone rai età

Il Canone Rai non è, a dispetto del nome tra l’altro utilizzato nei documenti ufficiali, una forma di Canone ma come detto una tassa sul possesso di un apparecchio televisivo presso il proprio domicilio. Quindi a dispetto di una denominazione non corretta, la maggior parte delle forme di cittadino si trovano a pagare naturalmente questa imposta che da quasi dieci anni risulta inglobata a quella della bolletta della luce, e rateizzata con la stessa.

Di base quindi tutti ci troviamo a pagare il Canone Rai, anche se è possibile chiedere una esenzione totale che se viene sviluppata entro i primi mesi di un anno, permette di essere effettivamente efficace fino a resto dell’anno solare e tra le forme di casistiche spiccano anche gli over 75, ossia i cittadini con almeno 75 anni compiuti. Oltre al requisito d’età però deve essere effettivamente presente anche quello legato all’ambito del reddito che non deve superare, nella sua misura totale (va interpretato anche il reddito di qualsiasi altro familiare o consorte ma non quello di eventuali badanti o colf) la quota di 8000 euro annui.

Come detto, in caso di condizione di rispettare questo requisito, bisogna presentare una specifica richiesta che va concepita direttamente attraverso via raccomandata (scaricando il modulo presso il portale dell’Agenzia delle Entrate) ed inviandolo presso Agenzia delle entrate – Direzione Provinciale I di Torino – Ufficio Canone TV – Casella postale 22 – 10121 Torino, con annessa copia di documento di identità valido, oppure attraverso PEC all’indirizzo cp22.canonetv@postacertificata.rai.it.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
POTREBBE INTERESSARTI