Connect with us

Cucina

Confettura d’uva extra dolce tradizionale pugliese

Published

on

Confettura d’uva extra dolce tradizionale pugliese

Quando si parla di confettura extra bisogna capire a cosa ci si riferisce e non bisogna confondere la marmellata con la confettura, perché entrambe sono diverse. La marmellata viene ottenuta da agrumi e con l’aggiunta di zuccheri, mentre la confettura viene ottenuta da zucchero e polpa di altri tipi di frutta.

Confettura d’uva extra squisita

Per quanto riguarda invece le confetture extra sono ottenute da una miscela gelificata di zuccheri e polpa di un unico tipo di frutta, e il risultato è una vera e propria esplosione di gusto e piacere. La squisita confettura d’uva extra pugliese asseconda anche i palati più esigenti per la sua freschezza. Questa confettura è buonissima consumata spalmata sul pane o su una fetta biscottata ed è talmente squisita che non si può fare a meno di fare un bis.

Confettura d’uva extra prodotto raro

La confettura d’uva extra può essere di uva bianca o nera e quello che conta è seguire il corretto procedimento per ottenere un prodotto squisito, tale da far venire l’acquolina in bocca. Oltre che essere una vera gioia da gustare questa confettura è anche un toccasana per l’organismo, in quanto ha effetti benefici grazie alle sostanze preziose che contiene. La confettura contiene acidi organici, sali minerali come potassio, ferro, fosforo, calcio e magnesio e vitamina A B e C. Visto che gustare un prodotto di questo tipo è sempre più una rarità ecco che la Mastrototaro Food ha realizzato anche una confettura senza semi, dalla indubbia bontà tanto che ha permesso di vincere la Targa Bacca d’Oro 2019.

Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cucina

Capodanno in Puglia, la notte del 31 dicembre cosa si mangia

Ecco i menu più buoni che si possono degustare durante il Capodanno in Puglia

Published

on

Capodanno in Puglia

Cosa si mangia per il Capodanno in Puglia? Le prelibatezze pugliesi che si possono degustare in un giorno così particolare sono davvero tantissime, e ve ne sono alcune che non possono assolutamente mancare in una regione dove il cibo è vita.  Ormai manca poco per abbuffarsi, così come è accaduto per il Natale, anche se non tutto può entrare nella pancia. Ma quali sono i menù più buoni? Tante nonne pugliesi sono all’opera per la notte di San Silvestro, e la considerano una grande occasione per mettere tutta la famiglia insieme, ma anche un bel momento per proporre le loro leccornie.

Leccornie da degustare per il Capodanno in Puglia

Di provincia in provincia il menù può essere variegato, ma vi sono delle cose che sono presenti in qualsiasi zona e quindi chi trascorre il Capodanno in Puglia potrà degustare. Prima di tutto, non possono mancare le lenticchie, presenti in tutti i menù di Capodanno, così come non mancheranno le cime di rapa stufate a cui vengono abbinate le frittelle. Immancabili sono anche gli antipasti a base di pesce e frutti di mare, ma anche il cotechino e lo zampone sono indiscussi protagonisti della cena della fine dell’anno. Fra i primi piatti si possono assaporare le orecchiette con le rape, gli spaghetti con sugo della salsiccia e le sagne ‘ncannullate.

Anche secondi e dolci squisiti

Fra i secondi piatti per il Capodanno in Puglia non possono mancare quelli a base di pesce, come il baccalà al sughetto e la salsiccia di cavallo oppure il maiale al sugo. Oltre ai tipici dolci pugliesi, come le cartellate, i mostaccioli, le frittelle dolci, le mandorle atterrate e tanti altri, un occhio di riguardo merita anche la frutta secca, a cui vengono affiancato cicorie, sedano e finocchi. A completare il tutto è lo spumante che dà il benvenuto al nuovo anno. Tutti si divertono e degustano le tante prelibatezze che adornano le tavole.

Continue Reading

Trending