Cerca questa banconota da 10 euro e sei ricco: fai attenzione al dettaglio

Statisticamente le banconote hanno una funzione molto più importante ed impattante nella vita “economica” di tutti i giorni anche perchè si tratta di oggetti che nella loro enorme diffusione divenuta importante a partire dalla seconda metà dell’Ottocento anche per tutte le tipologie di utenza, e nella forma moderna, ad esempio l’euro che utilizziamo naturalmente ogni giorno, esistono tagli di banconota particolarmente diffusi ma anche rari allo stesso tempo, anche se magari sono “celati” da tagli estremamente comuni, come nel caso della banconota da 10 euro che in alcuni casi può celare un valore molto alto.

Questo perchè non tutti gli esemplari hanno la medesima rarità anche se strutturlamente hanno il medesimo valore facciale.

Quale può essere una banconota da 10 euro rara? E come distinguerla dalle altre?

Attenzione a questa banconota da 10 euro: ecco quanto può valere oggi

banconota da 10 euro

Il taglio da 10 euro è uno dei più utilizzati, anche se è uno dei meno “importanti” come valore, arriva ovviamente dopo quello da 5 euro,  ed è riconoscibile per la struttura di dimensioni medio piccole e dal colore tendente al rosso. Per il design sono stati scelti pezzi di architettura di tipo romanico, come da tradizione, non sono stati impiegati reali raffigurazioni di veri monumenti.

La banconota da 10 euro come tutte le altre è stata sottoposta ad un restyling corrispondente ad un cambio sensibile dei fattori di sicurezza con la seconda serie denominata Europa, che dal 2014 ha iniziato a sostituire la prima serie, che è ovviamente ancora valida. E proprio le banconote da 10 euro sono quelle più diffuse e ricercate dai collezionisti, in casi specifici.

Infatti se rispetto alle monete dell’euro si tratta di un taglio come gli altri, identico per tutte le nazioni, esistono alcuni dettagli che possono evidenziare una rarità ed un interesse maggiore, ad esempio la presenza di un seriale particolare, come ad esempio uno costituito da poche cifre, come ad esempio 2 o 3 invece delle solite varianti. Un seriale che è composto da 3 cifre può portare una singola banconota a valere almeno 10 volte tanto se è in ottimo stato, se le cifre sono solo 2 può valere anche 50 volte tanto il valore facciale.

Se è presente 1 sola cifra è un esemplare unico quindi si tratta di un valore potenziale che può essere anche di 100 volte il valore facciale. Simile anche per  gli esemplari, rarissimi, denominati Specimen, ossia le banconote “Campione” destinate ad un pubblico estremamente ristretto come le personalità politiche dell’Unione Europea. In questo caso il valore è molto alto, tra i 1000 ed i 2500 euro.

banconota da 10 euro

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
POTREBBE INTERESSARTI