Connect with us

Notizie

Puglia, tornano le arance della salute dell’Airc in piazza

Tornano nelle piazze della Puglia, da sabato 29 gennaio, le arance della salute dell’Airc

Published

on

arance della salute

Da sabato 29 gennaio tornano nelle piazze della Puglia le arance della salute dell’Airc, confezionate nelle tradizionali reticelle. Lo scopo dei volontari della fondazione Airc, oltre che educare a un’alimentazione e a sane abitudini di vita per combattere il cancro, è anche quello di raccogliere fondi per la ricerca. Oltre alle reticelle, le persone potranno anche acquistare miele millefiori e vasetti di marmellata. I volontari a Bari saranno sede del comitato pugliese di Airc, in piazza Umberto I 49, dove rimarranno da mercoledì 26 a venerdì 28 gennaio. Invece, sabato 29 e domenica 30, i volontari saranno in via Argiro e in piazza Garibaldi.

Le arance della salute dell’Airc in vendita a 10 euro

Il 27 e 28 gennaio le arance della salute dell’Airc potranno essere acquistare anche nell’auletta di Studenti al Polifunzionale del Policlinico. Le reticelle contenenti arance rosse coltivate in Italia saranno presenti in tutte le location, avranno un peso di 2 chili e mezzo e potranno essere acquistate con una donazione di 10 euro. In vendita ci saranno vasetti di marmellata d’arancia da 240 grammi a 6 euro e vasetti da 500 grammi di miele millefiori a 7 euro. In omaggio con i prodotti c’è in offerta una guida speciale e approfondimenti sulla dieta vegetariana.

Alimentazione sana previene il cancro

Airc intende sensibilizzare le persone sul cibo da consumare, che influisce sulla salute ed è un alleato prezioso per mangiare sano e per ridurre fattori di rischio come l’obesità e la sedentarietà. Airc raccomanda di seguire una dieta ricca di verdure, frutta, cereali integrali e legumi per diminuire il rischio di contrarre il cancro. Anche il World cancer research fund raccomanda di limitare i zuccheri semplici e i grassi di origine animale, escluso il pesce. E’ importante anche affiancare a tutto questo un regolare esercizio fisico, ma togliere anche cattive abitudini come il fumo, causa di circa il 90 per cento dei tumori polmonari.

Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Notizie

Puglia, arriva il fotovoltaico gratis sui tetti

Per il fotovoltaico gratis sui tetti sono a disposizione 6,8 milioni di euro a fondo perduto

Published

on

fotovoltaico innovativo

La Puglia è la prima regione in Italia a dare il via al cosiddetto Reddito energetico, ritenuto una vera e propria svolta nella lotta alla povertà energetica che assilla in modo particolare le famiglie a basso reddito. Il caro bollette è diventato una vera ossessione e per questo l’obiettivo è trasformare con il reddito energetico anche i consumatori passivi in produttori di energia, agevolando il passaggio alle fonti rinnovabili. Tutto questo sarà possibile con il fotovoltaico gratis sui tetti, per realizzare il quale sono a disposizione 6,8 milioni di euro a fondo perduto. Scopo della misura è rendere l’Italia indipendente per il suo fabbisogno energetico.

Con il fotovoltaico gratis sui tetti producono tutti

Riccardo Fraccaro ha reso noto che la Regione Puglia ha pubblicato l’avviso per accedere al Reddito energetico rivolto a nuclei familiari che hanno un Isee inferiore a 20mila euro. Con il fotovoltaico gratis sui tetti, l’energia in più prodotta servirebbe ad alimentare la misura e ad assegnare ad altri beneficiari le risorse. Tuttavia, se adesso l’energia da rinnovabili è meno cara, perché i consumatori non possono acquistare elettricità da tali fonti, azzerando i costi di gas e combustibili fossili? Il contributo che si può ottenere a fondo perduto è di massimo 6.000 euro e riguarda anche l’installazione di impianti fotovoltaici, solari termo-fotovoltaici o microeolici per far funzionare gli impianti in condominio.

Domande a partire dal 25 maggio

Fraccaro ha aggiunto che il Reddito energetico è stato l’elemento importante per favorire l’alleanza tra la coalizione per la Puglia e il M5S. L’energia in più prodotta verrà usata per alimentare la misura e assegnare ad altri beneficiari le risorse. Sarà possibile richiedere il Reddito energetico a partire dal 25 maggio. Coloro che hanno i requisiti richiesti potranno presentare la domanda di installazione degli impianti e ottenere un contributo di 8.500 euro per acquistare e installare sistemi di accumulo.

Continue Reading

Trending