Come mettere i cetrioli sott’olio: ecco il trucco

Sono molte le tipologie di vegetali che da secoli anche molto remoti sono naturalmente disposti ad una conservazione prolungata, utilizzando il metodo dell’olio che molto prima della refrigerazione elettrica ha permesso di “allungare la vita” di alimenti estremamente importanti come i vegetali. Il cetriolo è una delle varianti più duttili e viene spesso utilizzata sia come “piatto principale” di molte ricette ma anche come condimento. Il cetriolo sott’olio è quasi una “cosa a se” impiegato nelle insalate ma anche nei vari sandwitch in tutto il mondo. Farli in casa non è assolutamente difficile anche se è bene attenersi ad alcune regole e consigli specifici, che sono necessari per capire come mettere i cetrioli sott’olio.

Non è infatti un procedimento complesso ma richiede un minimo di attenzione per essere portato a termine nel modo giusto.

Con alcune semplice indicazioni è infatti possibile ottenere degli eccellenti cetrioli sott’olio.

Cetrioli sott’olio, come farli in casa

Come mettere i sottaceti sott'olio

Il compendio di conservazione è strutturalmente semplice e sono molte le culture, in particolari centro ed est europee che di fatto mettono sott’olio quasi tutto: nella maggior parte dei casi questo è radicato ad una volontà di conservare elementi a lungo, nel caso dei cetrioli questo evidenzia invece una particolare funzione, come detto a mo di condimento.

E’ sufficiente disporre di alcuni cetrioli, alcuni bicchieri di aceto di vino bianco, acqua, zucchero sale, timo e alloro qb ed olio d’oliva.

I cetrioli possono essere tagliati “di lungo” ma anche tagliati a rondelle. Questi andranno lavati accuratamente e disposti in un contenitore pulito, nello stesso andranno salati e mescolati, prima di lasciarli “riposare” per circa 50 minuti almeno.

Dopodichè bisogna mettere a bollire una pentola con l’aceto, l’acqua, lo zucchero e sale, in questa soluzione vanno versati i cetrioli. E’ importante “controllarli bene” in quanto non appena cambieranno colore andranno scolati e lasciati ad asciugare completamente.

Utilizzando dei vasetti asciutti e sterilizzati aggiungendo i vari condimenti come l’alloro ed il timo, poi è il turno dei cetrioli che andranno disposti nei vasetti, prima di aggiungere olio d’oliva in modo da riempirli quasi completatamente.

E’ importante conservare i vasetti, ermeticamente chiusi, in un luogo sufficientemente lontano dal calore e dalle fonti di luce. Questi non andranno aperti prima di 2 settimane e potranno essere conservati per circa un anno, ma se aperti vanno consumati entro poche settimane se disposti correttamente in frigo.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
POTREBBE INTERESSARTI