Bitcoin, sta per arrivare l’halving: cosa significa ed a quanto potrà arrivare?

Bitcoin sta sicuramente vivendo una vera e propria “seconda giovinezza”  anche se non è completamente corretto definire quello che ai più appare come una fase, di un decorso distinto piuttosto che una forma di parabola della prima e ancora oggi maggiormente impattante forma di criptovaluta, che nel corso dell’ultimo decennio ha visto un profondo sali – scendi costante, continuo e certificato da varie condizioni, a tratti conosciute ma anche imprevedibili. Quelle prevedibili sono costellate da decisioni sviluppate “a monte” anche se Bitcoin come quasi ogni criptovaluta resta una piattaforma decentralizzata, quindi non “modificabile” completamente, il processo di halving però porterà sicuramente alcuni effetti.

E’ un termine conosciuto anche in altre circostanze che è previsto per le prossime settimane e che porterà Bitcoin anche ad un grosso cambiamento di valore, secondo molti.

Secondo altri invece si tratta di una condizione che potrebbe influire solo relativamente sul suo valore.

Attenzione all’halving di Bitcoin: ecco il valore che potrà raggiungere

bitcoin halving

Bitcoin infatti resta molto conosciuta come piattaforma anche per la propria presenza “numerata” di BTC esistenti, che sono in numero limitato, quindi prima o poi, in un futuro comunque piuttosto lontano, questi non potranno essere più generati attraverso la tipica quanto conosciuta e discussa operazione di mining.

L’halving è un termine tecnico che nel caso di Bitcoin viene ripetuta in un’azione ogni 4 anni e che sostanzialmente prevede una riduzione programmata dell’offerta dimezzando la ricompensa per l’estrazione di nuovi Bitcoin viene dimezzata, quindi aumenta potenzialmente la richiesta successiva di BTC, che sono come è noto, la principale forma di ricompensa che viene generata dal mining.

Con una richiesta minore quindi questa mossa “tecnica” che assume anche connotazioni finanziarie in quanto è una forma di “risposta” all’inflazione che condiziona anche le criptovalute, secondo molti il prezzo potrà essere influenzato da questa azione, in quanto l’opera di dimezzamento si attiva ogni 210 mila blocchi.

Meno BTC possibili significa infatti potenzialmente prezzi in aumento, anche se rispetto al passato l’operazione di halving potrebbe avere effetti sicuramente di rialzo ma meno impattanti: ad oggi il valore di Bitcoin è 62.853,40 dollari e con l’halving che è previsto per la metà di aprile 2024, questo potrebbe portare secondo alcuni addirittura ad un aumento ben oltre l’ultimo picco, superato da poco di 70 mila dollari ma addirittura attestarsi vicino ai 100 mila.

Più realisticamente il prezzo dovrebbe comunque superare i  75 mila almeno per alcuni giorni, come forma di effetto “atteso” di questa specifica operazione.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
POTREBBE INTERESSARTI