Nuova auto elettrica prodotta da Xiaomi: ecco quanto costa

Xiaomi identifica oggi uno dei principali produttori del contesto tecnologico, in particolare grazie a numerosi modelli di smartphone, smartphone ma anche integrato nel contesto della domotica e di tantissimi dispositivi che hanno portato la compagnia cinese, attiva in Europa ed in Italia da diversi anni con grossi investimenti, a volersi concepire come società con sempre più spazio anche nel mercato occidentale. Proprio in questi giorni un nuovo modello di automobile, prodotto per la prima volta anche da Xiaomi anche fuori dal contesto extra cinese, ossia una nuova auto elettrica, sta ottenendo enormi consensi in termini di ordini, al punto che molti considerano il brand cinese un potenziale quanto agguerrito di grossi brand come Tesla.

La nuova auto elettrica sviluppata da Xiaomi, finora ovviamente conosciuto grazie ai propri dispositivi di uso comune.

Un successo che è anche apparentemente concepito da costi minori anche rispetto ai principali competitor come la stessa Tesla.

Xiaomi sviluppa la sua prima auto elettrica: boom di prenotazioni, ecco quanto costa

auto elettrica Xiaomi

Si tratta del modello Xiaomi SU7, ossia una forma di berlina dalle caratteristiche interessanti che hanno portato a quasi 90 mila ordini concepiti e ricevuti da Xiaomi in quanto a prenotazioni solo nelle prime 24 ore dalla disponibilità. Si tratta di una berlina dalle dimensioni imponenti che dati alla mano, sembra essere una delle principali rivali di uno dei modelli di punta di Tesla ossia Model 3, a circa 4.000 euro in meno rispetto al costo di listino di quest’ultima.

Prodotta in Cina, precisamente a Pechino, il modello dovrebbe presentare un costo in euro riconvertito che parte da 28 mila euro, attestandosi quindi su uno standard di prezzo al ribasso rispetto ai comepetitors.

L’enorme successo iniziale in fatto di richieste ha portato a colmare già 2/3 della produzione annua di queste vetture che è programmata a circa 150 mila unità, condizione che inevitabilmente causerà ritardi. Ovviamente è incluso l’ecosistema Xiaomi che sarà compatibile in maniera particolare con gli altri prodotti della gamma in questione: condizione che porta sicuramente la società cinese in una posizione di vantaggio potendo contare ad una conoscenza ed una quantità di fondi molto importante: come promesso il top della gamma la variante AWD con batteria da 101 kWh e 663 CV di potenza, presenta una autonomia dichiarata di circa 800 km.

La gamma dei prezzi per l’Occidente non sono stati ancora rivelati ma è molto probabile che questi si manterranno su condizioni competitive anche quando la vettura sarà disponibile in Europa.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
POTREBBE INTERESSARTI