Se hai questa moneta russa sei ricco: ecco quanto può valere

Si sa i collezionisti di monete hanno un pallino fisso, che riguarda la ricerca delle rarità, e quanto più sono rare e introvabili piu questa fissa si intensifica. 

Nel mondo della numismatica, ci sono alcune monete che assumono un valore decisamente interessante, perché sono magari lontane da noi, dalla nostra cultura e dalla nostra storia. Tra queste monete, un ruolo importante assumono quelle di origine  russa, che hanno una lunga e ricca storia che risale addirittura al Medioevo. 

Ecco la moneta russa: storia e caratteristiche 

Le prime monete russe furono coniate in argento e portavano il nome del principe regnante. Nel corso dei secoli, le monete russe sono state realizzate in vari metalli, tra cui oro, argento, rame e bronzo. Presentano una vasta gamma di disegni e raffigurano sovrani, simboli nazionali e altri temi.

Alcune delle monete russe più famose includono:

  • Zecchini, che furono introdotti nel 1534 sotto il regno di Ivan il Terribile. Erano una delle monete più diffuse in Europa e circolavano per secoli.
  • Rubli, l’unità monetaria della Russia dal 18° secolo. Sono stati realizzati in vari metalli, tra cui argento, oro e rame
  • Copeche che rappresentano una frazione del rublo. Sono stati coniati sin dal Medioevo e sono ancora in uso oggi.

Tra le monete russe più rare e preziose

Le monete russe più preziose sono rare e di solito hanno una storia o una caratteristica unica che le rende desiderabili per i collezionisti.

Una di queste è il 2 Copeche di Caterina II, chiamata Gran Croce, in argento. Risale al 1782 e presenta un errore di conio in cui la croce sul retro è stampata due volte. Si stima che il suo valore sia compreso tra 10.000 e 20.000 euro.

Al 1808 risale, invece il rublo di Alessandro I, emessa per commemorare l’anniversario del regno di Alessandro I. È rara e in ottime condizioni può valere fino a 50.000 euro.

Nel 1904, in occasione del matrimonio di Nicola II, zar di tutte le Russie, fu coniate una moneta da 10 rubli con l’effigie dello stesso zar; anche in questo caso la moneta è rara e, se in ottime condizioni, può valere oltre 100.000 euro; una vera fortuna!

Tra le monete russe in oro si ricordano in particolare, lo zecchino d’oro di Pietro I il Grande, coniato nel 1721, durante il regno di Pietro I il Grande. È una delle monete russe più rare e si stima che valga più di 1 milione di euro. E ancora il rublo doro, in onore di Caterina II, che risale al 1762, la cui stima fa arrivare la moneta, già rara e preziosa, alla cifra 500.000 euro (e forse più).

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
POTREBBE INTERESSARTI