Vecchi dollari americani: se trovi questi esemplari, sei ricco – FOTO

Poche forme valutarie intese come denaro hanno acquisito  e mantenuto un valore così importante e radicato come i dollari, ossia la valuta impiegata dagli Stati Uniti ma anche da un compendio di nazioni molto diversificate e sicuramente importanti in termini di legame con gli States, fattore che tra gli altri ha permesso alla nazione a stelle e strisce di imporsi in tantissimi contesti: il dollaro resta per moltissimi ambiti la valuta di riferimento ed anche dal punto di vista collezionistico è molto interessante, a partire dai vecchi dollari, la  cui fattura di moneta è in cambiamento anche oltre oceano.

I vecchi dollari statunitensi infatti hanno avuto una storia particolare, ed a partire dai vecchi Penny, si tratta di una  tipologia di monete e banconote che ha cambiato volto in più occasioni, pur trattandosi di una nazione fondamentalmente “giovane”, essendo stata costituita con l’indipendenza dal Regno Unito, nella seconda metà del Settecento.

I penny americani ossia le monete di piccola fattura e dal valore minore sono spesso sottovalutati, ma un esemplare può valere davvero molto.

Cerca questi vecchi dollari americani: alcuni valgono tantissimo!

Vecchi dollari

Il penny come viene anche chiamato nel termine della moneta da 1 centesimo di dollaro sono infatti sintomo di qualcosa che “vale poco” ed è trascurabile, essendo da tempo una delle monete meno impiegate ed apprezzate in patria. Ma da ben oltre un secolo pieno continuano ad essere sviluppati e coniati.

La storia dei Penny si può suddividere in due fasi, la prima, legata alla formazione degli Stati Uniti come li intendiamo oggi, e la seconda legata alla diffusione culturale degli States: i penni fino a inizio Novecento presentavano al “testa di nativo” (Indian Penny) e dai primi del secolo scorso l’effige è stata sostituita dal volto di Abramo Lincoln.

Di penny di valore ne esistono tantissimi e molti di quelli con Lincoln sono ancora circolanti anche se hanno anche più di un secolo in alcuni casi: pezzi come i “Wheat Penny” del 1922 come da foto che se consumati valgono praticamente niente ma se è presente una “D” e  sono in condizioni perfette possono valere più di 4500 euro.

Lincoln del 1914

Lo stesso modello o quasi è stato impiegato anche per i penny statunitensi con Lincoln del 1914, emissione ai tempi molto frequente e diversificata ma oggi quasi impossibile da trovare in condizioni eccellenti, al punto che un pezzo in ottimo stato vale diverse migliaia di euro, ed uno in Fior di Conio può addirittura superare i 50 mila euro di valore.

Vecchi dollari

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
POTREBBE INTERESSARTI